Pagine

Visualizzazioni totali

lunedì 15 novembre 2010

Posta su Facebook foto della ex nuda: condannato a 5 settimane di galera


E' successo in Nuova Zelanda a un giovane di 20 anni. Si tratta della prima emessa per aver pubblicato su un social network contenuti che possono violare il diritto all'onore e all'immagine.
Cinque settimane di carcere. E' costato caro a Joshua Simon Ashby, 20 anni, americano residente a Wellington in Nuova Zelanda, pubblicare su Facebook la foto della sua ex ragazza nuda davanti a uno specchio. Una sentenza importante quella comminata al giovane, perché sembrerebbe essere la prima emessa per aver pubblicato su un social network contenuti che possono violare il diritto all'onore e all'immagine. All'inizio la foto della ragazza poteva essere vista solo dai 218 'amici' di Joshua, ma poi il ragazzo ha deciso di rendere l'immagine accessibile a tutta la rete Facebook. La foto è rimasta accessibile a tutti per 12 ore prima che la polizia la facesse sparire dalla Rete. Joshua si è giustificato dicendo che quando ha postato le foto era in preda a un attacco di gelosia dopo aver bevuto un po'. Ma la cosa non è stata considerata un'attenuante dal giudice Andrew Becroft, incaricato del caso, che lo ha condannato a cinque settimane di prigione. Per motivare la sua sentenza, il magistrato ha spiegato che le leggi in materia di pubblicazione e diffusione delle immagini sono antiche e non corrispodono alla realtà di Internet. I genitori del giovane pur mostrando il loro totale appoggio al ragazzo, hanno accettato la sentenza. Entrambi parlano di questo caso come uno dei possibili lati oscuri di Facebook e dei social network, augurandosi che costituisca un esempio per gli altri ragazzi, in modo che facciano un uso corretto di Internet.
Fonte: Adnkronos