Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 12 novembre 2010

Facebook, la sicurezza in una barra. E non solo


Pur se al prezzo di ulteriori informazioni personali date in pasto al celebre social network, Facebook ha attivato alcune novità in campo di sicurezza, con il fine di difendere il titolare dell’account da abusi, sostituzioni di persona e impieghi non autorizzati. Tali caratteristiche vanno ad aggiungersi ad altre, già attivate, come ad esempio la One Time Password.Tra le caratteristiche più innovative recentemente osservate vi è una barra, dalla quale già “a occhio” si può evincere il livello di sicurezza del proprio account. Tale barra compare quando il proprio livello di sicurezza è ritenuto “basso” ed esprime una serie di fattori sui quali il software di Facebook valuta la sicurezza della propria utenza.
Se Facebook, in questa schermata, dice che la sicurezza è BASSA, è bene seguire la procedura (click per ingrandire)

Se Facebook, in questa schermata, dice che la sicurezza è BASSA, è bene seguire la procedura (click per ingrandire)

Sfruttando un wizard, disponibile a questo indirizzo, è possibile seguire passo passo una procedura al termine della quale si ottiene un maggior livello di sicurezza. La prima domanda a cui occorre rispondere è quella di fornire un numero di cellulare. Quest’ultimo, nel corso della procedura, può a scelta essere o meno aggiunto al profilo, dunque non comporta rischi di esposizione. Una volta digitato il numero e scelto l’operatore, si invierà un apposito SMS a un numero specifico. Dopo alcuni istanti si riceverà via SMS un codice di verifica: questo andrà inserito in Facebook e questa fase verrà superata. Eventualmente, nulla vieta di impiegare una SIM card dedicata allo scopo, pur funzionante, come ha fatto chi scrive. Il Social Network chiederà poi di scegliere una domanda di sicurezza, alla quale si indica la risposta. Essa permette lo sblocco dell’account in caso di perdita della password o altre circostanze bloccanti. Infine, la procedura prevede di fornire almeno un secondo indirizzo email: come già fatto notare dai principali osservatori, più se ne inseriscono e meno c’è il rischio di vedere il proprio account “impersonato” da sconosciuti: lo aveva dimostrato qualche tempo fa proprio Mike Arrington di TechCrunch, impersonando (con il relativo consenso) proprio Eric Schmidt. Inutile ricordare che è bene impiegare password non facili da indovinare, scegliendo combinazioni di almeno lettere e numeri, possibilmente con delle alternanze tra maiuscole e minuscole (che vengono rilevate: digitare a è diverso dal digitare A) e di non usare la stessa password per altri account. Per contro, è ovvio, più dettagli si inseriscono e più aumenta la quantità di dati personali che Facebook può registrare e associare al proprio account. Oggi, d’altro canto, è abbastanza difficile – se non utopico – pensare di vivere in un limbo di assoluta privacy: le minacce a quest’ultima provengono a 360 gradi dall’intera Rete e chi ne avesse davvero bisogno non ha che una soluzione: scollegarsene fisicamente e rivolgersi a un esperto. Ma di quelli “seri”.

Fonte: The New Blog Times - Autore: Marco Valerio Principato