Pagine

Visualizzazioni totali

lunedì 22 marzo 2010

Una pagina web per ogni cittadino


In Gran Bretagna gli uffici pubblici saranno sostituiti dai loro equivalenti online. Entro un anno ogni cittadino avrà una pagina web personale, creata sullo stile di Facebook.


Entro dieci anni, dal Regno Unito scompariranno gli uffici di collocamento, quelli esattoriali, gli uffici della motorizzazione e quelli abilitati a rilasciare i passaporti: tutto sarà fatto via Internet, consentendo "un risparmio di milioni di sterline ogni anno". La realizzazione di questo obiettivo, annunciato dal primo ministro Gordon Brown, avverrà per gradi: il primo è la fornitura entro un anno, a ogni cittadino, di una pagina Web creata sullo stile di Facebook. Quella pagina servirà da punto d'accesso a tutti quei servizi che oggi richiedono di raggiungere un ufficio, far la coda a uno sportello, produrre documenti cartacei, e nei tre anni successivi permetterà anche di collegarsi con il medico di famiglia e di consultare gli insegnanti dei figli. Sebbene accolta positivamente da quanti intravedono uno snellimento della burocrazia, questa proposta ha sollevato anche diverse proteste, innanzitutto tra i sindacati (per la prevedibile perdita dei posti di lavoro nel pubblico impiego) ma anche tra coloro che accusano il governo - non senza ragione - di non saper gestire i dati personali con sufficienti garanzie di sicurezza. "Tagliare i servizi pubblici non è un male solo per il pubblico che li usa, ma anche per l'economia" ha dichiarato Mark Serwotka, segretario generale della Public and Commercial Service Union. A sostegno dell'iniziativa del governo c'è invece Tim Berners-Lee, il "padre del Web", il quale ha spiegato: "Non voglio dovermi recare presso un ufficio governativo: tutto dovrebbe essere online. Così si fa risparmiare denaro alle persone e al governo. Arriveremo al punto in cui non saranno più necessari gli uffici fisici".