Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 19 febbraio 2010

Scuola Mia, il portale del Ministero per le famiglie


Il Ministero dell'Istruzione ha attivato il portale "Scuola Mia", per erogare servizi scolastici online alle famiglie con figli che frequentano le scuole che hanno aderito all'iniziativa

Il Ministero dell'Istruzione ha attivato "Scuola Mia", un portale attraverso il quale le famiglie potranno richiedere e ricevere informazioni sull'andamento scolastico dei propri figli alle scuole di appartenenza. Il portale infatti mette in comunicazione famiglie e scuole italiane. Come viene spiegato nella guida che si può scaricare dal portale, "il progetto “Servizi scuola-famiglia via web” rientra nell’ambito delle iniziative condivise tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Tecnologica. Obiettivo del progetto è quello di mettere a disposizione strumenti e servizi online volti a favorire la comunicazione tra Scuola e Genitori, semplificare le relazioni amministrative tra famiglie e le istituzioni scolastiche, facilitare la partecipazione delle famiglie alla vita scolastica dei propri figli attraverso la realizzazione di un insieme di servizi innovativi, tra i quali la pagella digitale, le comunicazioni relative alla vita scolastica degli studenti e ai risultati degli apprendimenti, l’agenda di ricevimento dei docenti, la notifica alle famiglie in tempo reale delle presenze/assenze degli studenti e le comunicazioni scolastiche, erogati in modalità multicanale (tra cui web, e-mail e messaggistica sms)".Ed infatti il motto del portale è "La scuola è arrivata a casa tua! Con i nuovi servizi online scuola e famiglia sono ancora più vicine". Come funziona il servizio? Per poter usufruire dei servizi offerti è indispensabile, prima di tutto, che la scuola frequentata abbia aderito all'iniziativa. Al momento il servizio è appena partito e le scuole che hanno aderito sono ancora poche. Ma il Ministero dell'Istruzione ritiene che questo possa essere un servizio molto utile sia per le scuole che per le famiglie, per facilitare la comunicazione, e quindi, probabilmente, il numero delle scuole aderenti aumenterà sempre di più. Dopo essersi accertati che la scuola frequentata dal proprio figlio ha aderito al progetto, i genitori o il tutore legale dello studente possono effettuare l'iscrizione al portale ed entrare in contatto con la scuola. Un esempio pratico? A Torino, per il momento, ha aderito all'iniziativa l'Istituto Tecnico Industriale Avogadro, che mette a disposizione delle famiglie le pagelle online, i certificati online e le comunicazioni degli eventi organizzati dalla scuola. In questo modo le famiglie potranno conoscere la situazione scolastica del proprio figlio comodamente da casa o dall'ufficio, collegandosi al portale. Alcune scuole hanno attivato anche altri servizi, come l'invio di un avviso ai genitori quando i figli sono assenti da scuola o arrivano in ritardo alle lezioni oppure la possibilità di prenotare colloqui con gli insegnanti. Ma il Ministero ritiene che molti altri servizi potranno essere attivati man mano che le scuole decideranno di aderire al progetto. L'idea di creare il portale è nata da un protocollo d'intesa, sottoscritto nell'ottobre del 2008 da Mariastella Gelmini, Ministro della Pubblica Amministrazione, e Renato Brunetta, Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione, con lo scopo di semplificare tutte le operazioni amministrative e facilitare un rapporto più diretto tra le scuole e le famiglie.