Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 22 maggio 2009

Mestre, cinque denunce per "cyberbullismo"

Avevano aperto il falso profilo di un loro compagno di scuola su un social network e l'avevano usato per insultarlo. Ora sono accusati di "sostituzione di persona".

La "combinazione di bullismo e cyberbullismo" come l'ha definita il dirigente della polizia postale del Veneto, Ciro Pellone, è costata a cinque ragazzi maggiorenni - ex studenti di un istituto professionale di Mestre - una denuncia per aggressioni verbali e non. Dopo aver compiuto quattro perquisizioni, la polizia ha scoperto che i ventenni avevano creato su un social network (forse Facebook) il falso profilo di un loro compagno di scuola e l'avevano usato per insultarlo e denigrarlo. Lì avevano caricato anche "brevi filmati fatti a scuola in cui la vittima veniva fatta oggetto di bullismo". Nonostante gli atti siano continuati per tutta la durata della scuola superiore, la vittima ha denunciato i propri aguzzini solo dopo la conclusione del quinto anno. A quel punto sono partite le indagini, durate mesi e conclusesi con la denuncia dei cinque. Durante le perquisizioni la polizia ha sequestrato come prova i computer dai quali i ragazzi inviavano i messaggi denigratori. La creazione di un falso profilo su un social network, inoltre, ora li espone all'accusa del reato di "sostituzione di persona", di cui risponderanno.

Fonte: ZeusNews