Pagine

Visualizzazioni totali

giovedì 5 febbraio 2009

Una sperimentazione didattica innovativa: un computer per ogni studente

video
Oggi voglio presentare il progetto portato avanti da un'insegnante di una scuola primaria di Rivoli da anni impegnata a portare avanti iniziative nell'ambito della tecnologia applicata alla didattica. Il suo nome è Paola Limone. Ho avuto modo di conoscerla circa 2 anni fà e quello che mi ha impressionato è stato l'entusiasmo con il quale presentava la sua attività volta primariamente a far crescere la cultura dei ragazzi mediante un sano e corretto utilizzo delle nuove tecnologie. In questi ultimi anni, lavorando sul campo con i suoi alunni e contestualmente operando attivamente on line in collaborazione con altri insegnanti "tecnologici" di alto livello, fra i quali vorrei menzionare in particolare Marco Guastavigna e Alberto Piccini ha raggiunto traguardi importanti che fanno ben sperare per il futuro della nostra scuola orientata all'utilizzo delle nuove tecnologie ma ad oggi ancora troppo indietro rispetto ad altri Stati Europei. Poter pensare di far portare a scuola ai ragazzi un piccolo netbook in sostituzione dello zainetto è un idea che, visto i contenuti didattici sempre più presenti sul web, consentirebbe ai genitori di avere una drastica riduzione sui costi dei libri e d'altro canto consentirebbe ai docenti di adottare un nuovo tipo di insegnamento adeguato ai nostri tempi. La tanto richiesta "Educazione ai e con i nuovi media" oggi potrebbe dunque realmente essere messa in pratica se ogni scuola potesse dotare i propri bambini/ragazzi di un computer a prezzi agevolati sullo stile del progetto "un computer da 100 dollari per i bambini dei paesi poveri (*)", portato avanti dall'informatico statunitense Nicolas Negroponte per sconfiggere il cosidetto digital divide.

Infine per avere maggiori info riguardo al progetto "un computer per ogni studente potete collegarvi direttamente su:
Fonti citate: Articolo su www.maestroalberto.it (*)