Pagine

Visualizzazioni totali

giovedì 11 aprile 2013

Lo strano caso dell’indagato. WiFi condiviso, il titolare accusato di pedopornografia


Post image for Lo strano caso dell’indagato.  WiFi condiviso, il titolare accusato di pedopornografiaEra già successo a Buffalo, negli USA e questa volta è toccato a noi. Il consigliere regionale pugliese Aurelio Gianfreda è indagato con l’accusa di pedopornografia. Infatti dal collegamento a Internet WiFi a lui intestato sono stati scaricati alcuni file “civetta” messi in rete dalla polizia postale.  Ma la connessione ai siti incriminati è stata effettuata dal suo studio  professionale, nel quale lavorano diverse persone, anche se l’utenza è intestata a Gianfreda. Ciò significa che a connettersi potrebbe essere stato chiunque fosse presente nei locali, però fintanto che non si sarà “scoperto il colpevole” ne risponde inevitabilmente Gianfreda stesso. Ovviamente in uno studio professionale non si pensa alla rintracciabilità di chi si connette, e certamente la polizia e la procura troveranno presto il vero colpevole, ma se si “allarga” il caso a chi possiede un locale aperto al pubblico e vuole aprire completamente la propria rete Wi-Fi, ecco che allora questo caso può insegnarci qualcosa. Meglio non farlo.