Pagine

Visualizzazioni totali

mercoledì 1 febbraio 2012

Adolescenti e videogiochi multi-player

I videogiochi hanno fatto molta strada dai tempi di Pac-Man. Quelli moderni sono molto più sofisticati e multi-dimensionali rispetto al passato e Internet rende possibili giochi ai quali possono partecipare giocatori di tutto il mondo.

Tuttavia, questo nuovo universo dei videogiochi ha introdotto nuovi rischi per gli adolescenti. I videogiochi più recenti sono zeppi di straordinari effetti grafici, ma molti sono anche graficamente violenti. I videogiochi multi-player interattivi consentono ai giocatori di assumere il controllo del protagonista e di controllarne il comportamento. Troppo spesso, l'obiettivo di videogiochi molto noti come World of Warcraft o GunZ è di uccidere l'avversario nel modo più cruento possibile. Inoltre, nuove tecnologie quali Xbox Live consentono agli utenti di Xbox di collegare la propria unità a Internet e, con l'ausilio di cuffie e microfono, di conversare in tempo reale con altri giocatori. Se giocati senza controlli della riservatezza, con un linguaggio scurrile o sopra le righe da parte di altri giocatori, anche i giochi considerati per tutti possono rapidamente stravolgere la natura dell'esperienza di gioco.

Rischi dei videogiochi on-line
Studi condotti da gruppi quali la National Coalition of Television Violence hanno riscontrato un legame negativo tra la violenza dei mezzi di comunicazione e i comportamenti dei ragazzi. Studi finanziati da importanti produttori di videogiochi contestano queste conclusioni. Tuttavia lo scoppio di tragedie altamente pubblicizzate quali la sparatoria alla Virginia Tech nel 2007 e quella di Columbine nel 1999 hanno alimentato fondate preoccupazioni sull'aumento della violenza giovanile. Esiste inoltre il rischio di divulgare una quantità eccessiva di informazioni a un altro giocatore sconosciuto, mettendo così a rischio la propria sicurezza personale. Il giocatore che il tuo ragazzo pensa di conoscere potrebbe essere in realtà un individuo pericoloso. Se tuo figlio lascia trapelare le informazioni sbagliate, un pedofilo o un bullo informatico contrariato per avere perduto troppo presto una partita potrebbe trovare facilmente la strada di casa tua. Infine, i videogiochi sono progettati per essere appassionanti, afferma il dott Dave Greenfield, uno psicologo di West Hartford, Conn.,-fondatore del Center for Internet Behavior e autore di Virtual Addiction. “Questi videogiochi in realtà interferiscono con l'equilibrio della vita quotidiana. Modificano le percezioni della violenza da parte dei ragazzi, alzano la soglia del livello di eccitazione e diminuiscono l'interesse per le sfumature dell'interazione umana”, egli avverte. "Il problema principale che vedo negli adolescenti e nei giovani che partecipano a questi videogiochi è il progressivo calo del rendimento scolastico".

Come proteggere i ragazzi
Diversamente dai più piccoli, gli adolescenti che desiderano effettivamente partecipare a questi giochi saranno in grado di trovare metodi alternativi per aggirare il controllo dei genitori. Quindi, che cosa possono fare i genitori? Di seguito vengono forniti alcuni suggerimenti pratici per garantire la sicurezza dei ragazzi:

1. Informati sui videogiochi che utilizza tuo figlio
Esamina i giochi prima che passino nelle mani di tuo figlio e tieni i computer solamente in aree aperte della tua casa. "Non lasciare mai e poi mai che i tuoi figli abbiano un computer nella loro stanza", ribadisce Greenfield.

2. Stabilisci dei limiti di utilizzo
Limita la quantità di tempo che i tuoi ragazzi dedicano ai videogiochi: questo comprende videogiochi di qualsiasi tipo, da quelli per computer a quelli per la televisione o i dispositivi portatili. "Non lasciare che passino da uno schermo all'altro", afferma Greenfield.

3. Tieni attivi i tuoi ragazzi
Mantieni un certo equilibrio nella vita dei tuo ragazzi assicurandoti che siano coinvolti in attività che li tengono lontani dai videogiochi. Questo comprende opportunità quali sport, attività sociali e religiose, hobby, lavoro o volontariato.

4. Parla con i ragazzi a proposito della privacy
Assicurati che tuo figlio comprenda i rischi associati alla comunicazione di informazioni personali ad altri giocatori. Controlla che egli sappia di non offrire o accettare mai un incontro faccia a faccia con un altro giocatore o persona che ha conosciuto on-line.

5. Insisti sui controlli di Xbox Live
Se tuo figlio deve giocare con Xbox Live e giochi simili, assicurati di disattivare l'audio del gioco. Questo eviterà l'esposizione a linguaggi scurrili, a eventuali abusi verbali o alla tentazione di lasciarsi sfuggire un numero di telefono o qualche altra informazione personale.

6. Sii aperto e ascolta i tuoi figli
Spiega ai tuoi figli che possono parlare con te di problemi o preoccupazioni che potrebbero sorgere in relazione ai giocatori che incontrano.

Suggerisci ai tuoi ragazzi di diventare un Teenangel
Un Teenangel è un adolescente adeguatamente addestrato da organismi di pubblica sicurezza e altri esperti sulla sicurezza in Internet ad aiutare a identificare e segnalare situazioni non sicure in Internet. Per ottenere ulteriori informazioni sul programma Teenangel, che è sponsorizzato dal sito WiredSafety.com, puoi contattare TeenAngels.org.

Il dott. Greenfield ritiene che la cosa più importante che possono fare i genitori è di assicurarsi che i ragazzi dispongano di alternative sane all'utilizzo del computer. Ma essi devono dimostrare la volontà di adoperarsi per organizzare queste alternative. "Ammettiamolo, spesso il computer è un'ottima babysitter", egli conclude.

Fonte: Norton Cybercrimes News - Autore: Mary O. Foley