Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 11 novembre 2011

Farmaci contraffatti su internet: l’Aifa ci aiuta a riconoscerli

 
Attenzione ai farmaci contraffatti venduti su internet. L’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, pubblica una guida che ci aiuti a riconoscerli.

Contraffazione di borse, abiti e accessori sono praticamente all'ordine del giorno, ma forse non sapevate che questo è un problema che riguarda da vicino anche i farmaci, principalmente quelli che possono essere acquistati online. Un giro di affari di quasi 70 miliardi di euro l'anno, frutto di un commercio "assassino" che distribuisce farmaci contraffatti o adulterati. Pillole per dimagrire, pasticche per potenziare le prestazioni sessuali, ma anche steroidi e vaccini: sono questi i farmaci contraffatti che la gente acquista online sperando di curare o migliorare qualcosa che non va bene, insomma prodotti "miracolosi" che in realtà si rivelano veleni. Secondo le stime circa il 50% dei farmaci acquistati su internet, sono falsi o inefficaci.
A combattere il problema, che ormai ha assunto dimensioni molto preoccupanti, ci pensa l'Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, pubblicando una guida con l'obiettivo fare chiarezza sulla questione "farmaci contraffatti". Internet è ancora un contesto fondamentalmente anarchico, per cui le autorità hanno qualche difficoltà a regolamentare questo tipo di mercato in cui non esistono esplicite limitazioni. L'Aifa, quindi, utilizza uno strumento trasversale per portare in primo piano una questione che in molti ancora ignorano, e per consigliare ai cittadini, ancora una volta, non solo di acquistare i farmaci in farmacia, ma di assumere soltanto quelli consigliati dal proprio medico.