Pagine

Visualizzazioni totali

sabato 13 agosto 2011

Impennata dei crimini su Facebook, diventano sempre più sofisticati


I crimini su Facebook che vanno dalle truffe al bullismo on-line sono in aumento, e sono sempre più sofisticati, avvertono gli esperti. Non è un segreto che i truffatori sul sito di social media contano su esche artigianali, che spesso includono contenuti video scandalosi ed espliciti o filmati esclusivi degli eventi più recenti e più caldi, dalla morte di affermate celebrità a filmati mai visti prima di una catastrofe naturale. Queste truffe hanno lo scopo di aumentare i clic su una pagina o un link perché gli inserzionisti pagano per ogni clic che viene generato. Altri rubano le informazioni personali, dai nomi agli indirizzi che vengono estratti quando gli utenti compilano un falso sondaggio, e i dati vengono poi venduti ad altri criminali informatici. Nel frattempo, i crimini informatici più rari su Facebook coinvolgono l' installazione di software dannoso o "malware" sui computer. Tuttavia, l'aumento di questi crimini su Facebook non si limitano alle sole truffe e le attività di phishing. C'è anche il bullismo, la cattura sessuale e anche le rapine che si verificano dopo che gli utenti registrano la loro posizione GPS per informare gli altri che sono fuori città. Un recente studio di Pew Internet & American Life ha scoperto che gli utenti di Facebook sono più fiduciosi rispetto alle persone che non sono membri del sito di social networking. Inoltre, un utente di Facebook che usa il sito più volte al giorno aumenta del 43% la probabilità di fiducia da parte delle persone rispetto ad altri utenti. Secondo Paul Zak, professore al College di Claremont, i truffatori predano gli utenti di Facebook non solo perché sono un bersaglio facile, ma anche perché non conoscono le loro vittime. "È più facile fare del male a qualcuno quando non sei a vederli di persona", ha detto Zak di TechNewsDaily. "La ricerca neuroscientifica dimostra che le violazioni morali sono meno probabili quando le interazioni sono personali perché la gente entra in empatia con coloro che incontrano di persona. Nel mondo online, le persone sono solo un numero". Numerosi criminali informatici includono immagini nelle truffe in quanto il cervello è particolarmente sensibile alle immagini, ha detto Zak. Per esempio, egli ha osservato che una truffa ricorrente inizia su Facebook per sollecitare delle donazioni con l'immagine d'un bambino malato. L'industria della truffa sociale è fiorente complessivamente, a causa del fatto che i creatori delle truffe stanno assumendo funzionalità legittime di Facebook e persuadono le persone a cliccare sui link, ha detto Ioana Jelea, specialista di comunicazione a BitDefender. "L'ingegneria sociale ha raggiunto livelli senza precedenti, con le ondate di truffe personalizzate in base agli eventi più recenti che fanno i titoli dei tabloid", ha detto Jelea. "Con le celebrità a tema esche, per esempio, il numero dei clic farà picco in poche ore, e come i temi caldi diventano 'notizia vecchia,' saranno rapidamente eliminati e sostituiti con carne fresca". Bullismo, il comportamento del cacciatore sessuale e altri reati connessi non-spam di social networking sono stati sotto i riflettori nel corso dell'ultimo anno, soprattutto perché alcuni eventi hanno portato a tragiche conseguenze. "Facebook consente di creare profili fittizi e di coltivare rapporti con minorenni", ha detto Sedgrid Lewis, fondatore di Atlanta-based Spy Parent LLC.
"Dopo che i predatori sessuali guadagnano la fiducia del minore, poi lo invitano ad un luogo di incontro". Lewis attribuisce anche la nascita di questi tipi di reati su Facebook alla popolarità dei telefoni cellulari che consentono agli utenti di Facebook di inviare messaggi facilmente al sito in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. Jelea di BitDefender sostiene che non è solo la fiducia degli utenti nella piattaforma che li mette a rischio, ma la loro scarsa familiarità con la sicurezza di Facebook e le impostazioni della privacy, così come le minacce inerenti alla condivisione delle informazioni on-line. "La semplice precauzione, ma spesso trascurata, come ad esempio di leggere attentamente le autorizzazioni richieste da un'applicazione, potrebbe risparmiare agli utenti lo sforzo di pulizia dei loro account di messaggi scam automatici", ha detto Jelea. Owens di Trend Micro concorda sul fatto che gli utenti di Facebook non stanno prendendo precauzioni per prevenire questi crimini. Owens consiglia agli utenti di Facebook di connettersi solo con persone fidate, utilizzare le impostazioni di privacy più forti possibili, condividere solo quando necessario e di tenere il passo degli aggiornamenti, software di sicurezza affidabili su ogni dispositivo utilizzato per accedere a Internet. "Io non credo che sia di competenza esclusiva delle reti sociali risolvere questi problemi", ha detto Owens. "I genitori setssi dovrebbero diventare utenti esperti in modo che possano insegnare ai loro figli presto su come proteggersi on-line". "Le scuole devono anche integrare questa formazione in principio, soprattutto perché la tecnologia diventa una parte maggiore del sistema educativo generale", ha aggiunto. Noi consigliamo il buon senso prima di tutto e mai fidarsi delle apparenze.

Fonte: Protezione Account