Pagine

Visualizzazioni totali

giovedì 30 giugno 2011

VoIP: chiamare via Internet. Gratis? E la qualità? (problema risolto)


Il VoIP è stata una gran bella novità portata da Internet. La possibilità cioè di poter trasformare la voce in dati e di trasferirla sui circuiti Internet – senza usare le linee telefoniche dedicate alle telefonate (sì, lo sappiamo che è un po’ più complicato, ma cerchiamo di renderci comprensibili anche ai non addetti ai lavori ;-) per una spiegazione più dettagliata, esatta e complicata sul VoIP potete leggere qui). Il risultato è stato che si è riusciti a trovare un modo per parlarsi senza pagare, anche per chiamate intercontinentali – o per pagare molto meno rispetto alla telefonia tradizionale. E ormai un po’ tutti noi abbiamo uno o più servizi per parlarci via Internet, a partire da Skype (che ha ora di nuovo cambiato padrone, cioè Microsoft).

Il problema della qualità
Il problema delle telefonate su Internet è spesso stato la qualità della conversazione. Anche perché questa dipende dalla tecnologia adottata dai vari servizi. E c’è tecnologia e tecnologia. Noi abbiamo seguito lo standard di mercato, che è il SIP (qui, per i più tecnofili, mettiamo il link a un bel tutorial). In buona sostanza, SIP è lo standard dei servizi VoIP commerciali (per capirci quelli adottati anche da aziende multinazionali per tagliare i costi di comunicazione delle loro sedi sparse per il mondo, con chiamate di qualità indistinguibile da quella delle chiamate “tradizionali”). Altri servizi (specialmente quelli “gratuiti”) sono invece ancora basati su tecnologie precedenti, che tendono a dare risultati inferiori.

Forse la cosa più importante è che con il SIP la qualità è tendenzialmente costante, con altri sistemi a volte si sente piuttosto bene e a volte molto meno… cosa che può essere un problema se si chiama un cliente (molto meno se si chiamano gli amici, ovviamente. E fidanzati e fidanzate. O no? ;-)

Il problema delle apparecchiature
Per molti, telefonare via Internet significa ancora attaccarsi al PC e usare le cuffiette. Per uso personale può andare bene (anche se la qualità non è il massimo), ma certo è molto più comodo poter usare un telefono vero e proprio; e per le aziende poter avere un centralino per smistare le chiamate e tutte quelle cose cui siamo da secoli abituati. Il bello del SIP per il VoIP è che si tratta di uno standard: quindi molte aziende producono moltissimi prodotti che funzionano senza problemi. Altri sistemi non-SIP richiedono invece apparati “fatti apposta”, il che significa anche meno quantità di produzione, costi più alti, etc. In sostanza possiamo dire che per il mondo SIP si trovano facilmente sistemi telefonici di alta qualità, di uso professionale/industriale, accessibili anche ai privati. Come, se ci permettete, nel caso del partner che abbiamo scelto per la fornitura di hardware, ovvero l’ormai ben noto Fritz! Quindi, altro problema risolto. Per altri sistemi la qualità dipende molto da quanto sono buone le cuffie, dalle prestazioni del PC che usate, dal tipo di connessione Internet che avete a disposizione… e ovviamente se una delle due persone ha un sistema scadente, si parla male tutti e due.

E il VivaVox? E’ una bella scelta.
Non fosse un nostro prodotto diremmo che va alla grande. Ma non lo diciamo per modestia ;-) Scherzi a parte, il VivaVox è il nostro prodotto per le telefonate VoIP.

Un prodotto che non richiede un telefonino speciale, potete usare il vostro attuale telefono, semplicemente aggiungendo un hardware VoIP da collegare alla rete internet. E va bene qualsiasi hardware VoIP purché SIP (ovviamente noi raccomandiamo i prodotti Fritz!, come potrete ben immaginare; anche perché sono quelli che usiamo in azienda da anni e saremmo i primi ad avere dei problemi se non andassero più che bene, con tutto il customer care telefonico che facciamo…). Ma naturalmente, se volete, potete benissimo anche usare il PC per chiamare, se siete abituati così. Con VivaVox avete un numero telefonico “normale”, che chiunque, con qualsiasi telefono o cellulare può chiamare. Senza dover per forza avere anche lui un sistema VoIP (anche se gli converrebbe, perché gli abbonati VivaVox tra loro si parlano gratis). Il primo numero VivaVox è gratis (pagate se chiedete due o più numeri per la vostra utenza, tipicamente aziendale…). E VivaVox può essere installato sui centralini aziendali che supportano il protocollo SIP.

Cosa molto importante: il prefisso è locale. Il che vuol dire che con VivaVox avrete un prefisso della vostra città – con positive conseguenze sul costo delle chiamate, specialmente per chi vi chiama, che con altri sistemi si ritrova a fare una chiamata ad un ufficio situato a 500 metri… ma che per il “sistema” è una chiamata internazionale. Insomma, non vogliamo fare i competitivi a tutti i costi, ma confrontate le tariffe e le condizioni prima di comprare ;-)
Ad esempio guardando cosa vi costa una chiamata da Milano a Roma o da Bologna a Bologna.

Come posso avere il massimo della qualità?
In realtà è molto semplice. Una qualità migliore in termini di trasmissione si può ottenere con un hardware Fritz! e ADSL con canale VoIP dedicato o con priorità sulla rete, come facciamo noi di Ehiweb. Con una configurazione di questo tipo il VoIP VivaVox funziona anche con il PC spento. A voler essere sintetici all’osso, serve: una connessione internet, meglio se in modalità “fast”, con banda minima garantita di almeno 64 Kbps ed un hardware che supporti il protocollo SIP (ma si può usare anche un software).

La soluzione migliore? Dipende da cosa vi serve.
Ovviamente non c’è mai una soluzione ideale per tutti. Se fate poche chiamate e la qualità non è un grosso problema, qualsiasi soluzione “gratuita” può andare bene. Se fate molte chiamate, dovete chiamare o ricevere chiamate da gente con telefoni “normali”, se avete problemi di qualità (un classico è la vecchia zia che ci sente poco….), avete un uso professionale del telefono e/o avete esigenze di utilizzare un centralino, allora una soluzione basata sullo standard SIP è meglio.

E avete già capito benissimo cosa vi raccomandiamo… ;-)

E comunque si può anche provare: basta chiamare il nostro call center che usa il nostro sistema e sentite subito… come si sente. O usare Viva Vox Free che ti permette di provare il sistema per 30 giorni e 100 minuti di conversazione (avviso ai naviganti: come tutti i prodotti SIP funziona bene sui PC… ma è giusto precisare che la qualità non è paragonabile a quella ottenuta con l’uso di hardware dedicato SIP, se volete è un po’ come paragonare un video fatto con la webcam del portatile e uno fatto con una videocamera… dipende sempre da cosa vi serve e cosa vi dà il migliore rapporto tra necessità personali/aziendali e spesa….). Avete ancora domande sul VoIP? insaziabili. Qui trovate le nostre FAQ.

Photo: eirikso

Fonte: Ehiweb.it