Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 15 aprile 2011

Privacy 2.0, il Garante lancia un concorso nelle scuole


Pizzetti: «Lo scopo è promuovere la cultura della protezione dei dati»

Rispetto, identità, riservatezza, in una sola parola: privacy. Per sensibilizzare i giovani su questi concetti, il Garante della Privacy ha lanciato un concorso rivolto agli studenti delle scuole superiori di tutta Italia, «Privacy 2.0-I giovani e le nuove tecnologie», che li porterà a realizzare un cortometraggio di tre minuti scegliendo un aspetto o un fenomeno legati alla protezione dei dati in rapporto alle nuove tecnologie. Al vincitore andrà un premio di cinque mila euro e sarà premiato il 28 gennaio 2012 in occasione della Giornata europea della protezione dei dati.«Lo scopo del concorso - ha detto il presidente Francesco Pizzetti - è stimolare l'inventiva e, allo stesso tempo, promuovere la cultura della protezione dei dati». I ragazzi, infatti, improvvisandosi registi, dovranno rispettare le norme fondamentali, come il consenso per le persone riprese. I partecipanti, studenti delle classi terze e quarte delle scuole superiori, sono stati estratti a sorte per ogni provincia italiana e avranno tempo fino al 30 ottobre 2011 per realizzare i loro filmati, che saranno sottoposti a una giuria di esperti.«È un'occasione di alfabetizzazione alla privacy - ha concluso Mauro Paissan, componente del Garante - e, in particolare, all'uso non lesionistico di internet», nell'epoca di Facebook e degli altri social network.