Pagine

Visualizzazioni totali

domenica 6 marzo 2011

Android Market: rimosse più di 50 applicazioni pericolose


Una vera e propria pulizia in grande stile l’operazione portata avanti da Google su Android Market, il negozio virtuale che raccoglie tutte le applicazioni realizzate per il sistema operativo open source del gruppo americano. La rimozione da Android Market ha riguardato oltre 50 applicazioni a causa della loro pericolosità, in quanto capaci di infettare i terminali degli utenti. Secondo quanto spiegato, il malware incriminato – DroidDream - sarebbe capace infatti di prendere il controllo degli smartphone e inviare a un server esterno le informazioni più importanti che riguardano il device, tanto da riuscire persino a scaricare ulteriore codice infetto capace e, con ogni probabilità, di sottrarre dati sensibili come user e password utilizzati per accedere a diversi servizi online. Tra le applicazioni contraffatte: Falling Down, Dice Roller, Falling Ball Dodge, Super Guitar Hero, Super History Eraser, Photo Editor, Super Ringtone Maker, Chess, Scientific Calculator, Advanced Currency Converter, APP Uninstaller, Funny Paint e Spider Man. La vicenda risale a qualche giorno fa, quando una segnalazione aveva individuato ben 21 applicazioni apparentemente sicure grazie ai nomi simili a software conosciuti, ma in cui dei criminali avevano inserito codice pericoloso. Dalle iniziali 21 si è però passato presto ad una cinquantina di applicazioni, che in pochissimi giorni sono state scaricate da un numero di utenti stimato tra 50.000 e 200.000, raggiungendo così un buon livello di diffusione e un conseguente rischio non proprio irrisorio per l’utenza Android. Non appena verificata la pericolosità delle app, Google si è adoperata per la loro eliminazione dal catalogo. Per gli utenti che hanno già scaricato e installato una app pericolosa, la soluzione dovrebbe essere rappresentata dall’assistenza, anche se il colosso dei motori di ricerca ha promesso il rilascio in tempi brevi di un tool per ripulire gli apparecchi infettati.

Fonte: Oneitsecurity.it - Autore: Giuseppe Cutrone