Pagine

Visualizzazioni totali

lunedì 13 dicembre 2010

Symantec: previsioni 2011 su sicurezza e storage


Da Symantec i cambiamenti previsti per il 2011 sul tema della protezione dei dati. Budget ridotti e troppe informazioni, richiederanno investimenti sempre più mirati e iniziative strategiche. Con il finire del 2010 giunge da Symantec la previsione per il 2011 in tema di protezione dei dati e sulla sicurezza e lo storage in particolare. In estrema sintesi, il budget destinato all'IT appare purtroppo sempre più stagnante e in calo e le minacce sempre più specifiche. Con sempre più informazioni da gestire, le aziende debbono quindi massimizzare il valore degli strumenti acquistati, oltre a pianificare e realizzare iniziative tecnologiche il più possibile strategiche. Nel nuovo anno, quindi, sotto le luci della ribalta di saranno cloud, virtualizzazione, sicurezza dei dispositivi mobili e social media. Se da un lato le tecnologie per la sicurezza si fanno sempre più intelligenti e veloci, dall'altro anche le minacce compiono la loro inevitabile evoluzione. Nel corso del 2011 si intensificheranno gli attacchi rivolti agli smartphone, la cui crescita sarà esponenziale sia in ambito consumer che business. In quest'ultimo caso, l'utilizzo condiviso di apparecchi mobili ad uso privato e lavorativo confonderà non poco i confini tra business e uso personale, esponendo di conseguenza le aziende ad un maggior numero di pericoli. Nel 2011 i responsabili IT dovranno riconoscere la fragilità delle sempre più utilizzate infrastrutture virtuali; la loro rapida adozione e la mancanza di standardizzazione renderanno infatti sempre più evidenti le carenze in termini di sicurezza e backup di tale soluzione. Se la virtualizzazione riduce i costi legati ai server, ne aumenta al contempo i costi di gestione e storage; occorre quindi per questi ambienti un piano di investimento mirato.Le informazioni diventeranno sempre più critiche e la loro crescita esponenziale le renderà praticamente impossibili da contenere nella loro globalità. Sarà quindi necessario scegliere i dati da memorizzare, pena costi di storage eccessivamente elevati e tempi di recovery estremamente lunghi. I social media renderanno la situazione ancora più critica, in quanto le aziende dovranno capire come gestire questi strumenti in termini di recovery e ricerca delle informazioni aziendali condivise. Il 2011 porterà inoltre nuove soluzioni in grado di semplificare le operazioni IT; tra le offerte, cloud computing, servizi hosted e applicazioni, in grado di assicurare alle imprese maggiore flessibilità e facilità d'utilizzo. Le reti cloud pubbliche e private saranno sempre più disponibili, permettendo all'IT di massimizzare i vantaggi del cloud.

Fonte: Pmi.it - Autore: Tullio Matteo Fanti