Pagine

Visualizzazioni totali

giovedì 18 novembre 2010

Reati sul web: il caso di una ragazza minorenne coinvolta in furto d'identità


Facciamo riferimento a quanto accaduto in questi giorni in quel di Vercelli. Si tratta di un furto di identità sul web, soprattutto legato all’ambiente del social network Facebook, che sembra essere in piena espansione soprattutto tra i giovanissimi.


Come relazionato dall’Ispettore Pergola – Una ragazza minorenne di Prato Sesia, è riuscita ad appropriarsi dei dati della posta elettronica di un’altra ragazza di 22 anni di Gattinara per entrare sul suo profilo Facebook. La minore ha compiuto questa operazione per poter contattare alcuni ragazzi che rientravano nel giro di amicizie virtuali della vittima. Quest’ultima essendosi accorta che non riusciva più ad entrare nel proprio account di posta ed essendo stata avvisata da un amico che qualcuno stava chattando con il suo profilo, si è rivolta alla Polizia per sporgere denuncia. Le indagini della Postale hanno quindi portato all’identificazione della minore la quale è ora denunciata e segnalata all’Autorità Giudiziaria per i minori con l’accusa di accesso abusivo a sistema informatico e sottrazione di corrispondenza privata-osserva Pergola – In realtà il furto di identità digitale è un reato che sulla carta non esiste ancora ma, compiendo certi atti, si rientra comunque nelle fattispecie penali che hanno portato alla denuncia della minore. Fa riflettere il fatto che i giovanissimi non percepiscono il peso di questi comportamenti che considerano alla stregua di scherzi e leggerezze ma che invece possono avere conseguenze sul piano penale. La minore, che conosceva l’altra ragazza solo di vista, ha comunque ammesso tutto-.


Fonte: Vercellioggi.it