Pagine

Visualizzazioni totali

mercoledì 10 novembre 2010

Cisco: la voglia di mobilità affonda le regole


Uno studio Cisco mostra un disallineamento tra policy IT e voglia di mobilità e flessibilità dei dipendenti. Bisogna bilanciare realtà e gestione del rischio

Cisco ha annunciato i risultati dello studio internazionale "The Cisco Connected World Report", che nella sua prima tranche aveva già svelato un forte desiderio di mobilità e flessibilità da parte dei dipendenti di aziende italiane e straniere. La seconda tranche mette ora in evidenza la discrepanza tra le policy IT e i comportamenti dei dipendenti. Si estendono dunque i risultati dei dati diffusi a ottobre: i dipendenti tendono a lavorare sempre più in mobilità e ad utilizzare svariati dispositivi, quali social media iPhone e iPad, nonché nuove forma di comunicazione quali i video. La crescente tendenza all'utilizzo dei nuovi media anche sul lavoro sta spingendo però molti dipendenti a mettere in discussione le policy IT aziendali e a infrangerle sempre più spesso. Anche in Italia, dove ad esempio Facebook è vietato al 52% dei dipendenti, contro una media del 41%. A riprova di una tendenza a non riuscire a sottostare a certe rigidità. In relazione alle policy IT, lo studio mette in evidenza come nella maggior parte delle aziende (82% globalmente e 83% a livello italiano) circa un dipendente su quattro (24% a livello globale e 26% a livello italiano) non sia al corrente della loro esistenza a livello aziendale. Il 35% afferma che il dipartimento IT non fornisce spiegazioni né chiarimenti sul perché tali policy siano state attuate e circa due dipendenti su tre pensano queste possano essere migliorate e aggiornate. Sul versante social media, la metà dei dipendenti ritiene che questi contribuiscano all'equilibrio tra lavoro e vita; per il 64% di essi, le aziende dovrebbero allentare le restrizioni e consentire l'uso dei social media durante il lavoro mentre il 66% desidererebbe potersi connettere gratuitamente con qualsiasi dispositivo in dotazione - personale o aziendale - e accedere alle applicazioni e alle informazioni di cui hanno bisogno; molti già lo fanno violando le policy aziendali. Alla luce dei dati della ricerca, la necessità da parte delle aziende di riesaminare e aggiornare le policy IT per allinearle con una forza lavoro sempre più esigente e desiderosa di essere connessa ovunque, in qualsiasi momento e con qualsiasi dispositivo, nonché di condividere qualsiasi informazione della propria vita lavorativa e personale.

Fonte: PMI.IT - Autore: Tullio Matteo Fanti