Pagine

Visualizzazioni totali

sabato 11 settembre 2010

Italia - Porno dietro l'analisi grammaticale


Trabocchetto su Google porta molti bambini e davanti a immagini e video pornografici

Digitando 'analisi grammaticale di IV elementare' e cliccando sulla ricerca selezionata si aprivano invece pagine con immagini e video pornografici. Le immagini, che potevano essere dunque visualizzate dai bambini in un sito apparentemente innocuo, sono state bloccate dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni con la collaborazione di Google. La nuova tecnica di diffusione di materiale pornografico è stata scoperta nel corso dell'attività di monitoraggio della rete. In alcuni siti web erano stati inseriti, talvolta all'insaputa dei titolari degli spazi, contenuti pornografici associandoli a parole chiave completamente scollegate dai contenuti delle pagine effettivamente pubblicate. Le pagine sono state prima rimosse dall'indice e dopo qualche ora rese non più visibili dagli utenti della rete. In occasioni simili, Google consiglia alle famiglie di selezionare le modalita' di ricerca sicura tra le impostazioni che l'operatore offre quando si utilizzano i motori di ricerca per la navigazione online e impostare un parental control, ribadendo l'importanza di affiancare i figli durante l'esplorazione della rete.
''La rete internet - dichiara Antonio Apruzzese, direttore del Servizio polizia postale e delle comunicazioni - se da un lato è uno straordinario mezzo di comunicazione, socializzazione e di progresso e per i minori anche un mezzo di crescita culturale, dall'altro nasconde rischi e pericoli che soltanto con una navigazione responsabile e consapevole si possono evitare''.
''Quello della ricerca di 'analisi grammaticale' è il caso più eclatante ma ce ne sono altri sui quali stiamo ancora indagando - ha detto Marco Valerio Cervellini, responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura dei minori sulla rete internet della polizia postale e delle comunicazioni - il sito di riferimento è un sito attestato in Germania''. ''In passato - ha aggiunto - avevamo scoperto che alcuni film per bambini, tipo Cenerentola, scaricati dal web, dopo i primi tre minuti si trasformavano in film porno. E' invece la prima volta che ci capita questo modus operandi, ed è anche per questo che è importante che i bambini durante la navigazione su internet siano affiancati dai genitori''.


Riflessione: diventa ormai fondamentale formare non più solo docenti e ragazzi delle scuole medie bensì è neccessario lavorare sulla scuola primaria perchè è lì che si può fare un vero lavoro di prenvezione.