Pagine

Visualizzazioni totali

sabato 30 gennaio 2010

Social network: profili privati per i minorenni



I profili dei minorenni sui social network devono essere privati, al punto da non essere indicizzabili dai motori di ricerca sul web: l'ha detto il commissario europeo per la società dell'informazione e i media, Viviane Reding, parlando al Parlamento Europeo a Bruxelles. La richiesta è stata fatta dall'Unione Europea ai gestori dei servizi, che in linea di principio sono d'accordo: secondo Facebook già adesso i profili dei minorenni (ammesso che abbiano dichiarato la loro vera età al momento dell'iscrizione) non sono rintracciabili dai motori di ricerca. "Facebook, MySpace o Twitter sono divenuti estremamente popolari – ha detto la Reding – particolarmente fra i giovani. Tuttavia i bambini non sono sempre in grado di stabilire tutti i rischi associati all'esposizione dei dati personali. Questo mi ha portato a stabilire un accordo con i providers sui 'Principi per un uso più sicuro dei social network nell'Unione Europea'. I providers sono stati d'accordo nel garantire che i profili degli utenti al di sotto dei 18 anni di età debbano essere privati per default e non indicizzabili. Il 9 febbraio, in occasione della giornata del 2010 per 'Internet più sicura', faremo il punto su come questi principi siano stati messi in pratica". La Reding ha affrontato vari temi riguardanti la privacy, come quello dei chip Rfid che sono inclusi fra l'altro nei nuovi passaporti, ammonendo che anche il loro uso pone dei rischi. Infine ha criticato i body scanner che si vogliono installare negli aeroporti come misura antiterrorismo: "Sono convinta che i body scanner siano una potenziale invasione della privacy. La loro utilità deve essere ancora provata. I loro effetti sulla salute devono ancora essere stabiliti. Pertanto non posso immaginare che questa tecnica che è lesiva della privacy possa esserci imposta senza prendere pienamente in considerazione le sue conseguenze". L'Unione Europea aveva già fatto sapere che si pronuncerà in via definitiva solo quando i rischi per la salute dei body scanner saranno stati stabiliti con certezza.