Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 29 gennaio 2010

Kindle comprati e mai consegnati in Italia: chiusi siti web di E-Buy4You. Come recuperare soldi?


Oltre 100 utenti italiani hanno ordinato e pagato il Kindle su canali non ufficiali ma l'ebook reader di Amazon non è mai arrivato a destinazione. Alcuni consigli su come recuperare i soldi.

Un sito Internet, www.kindle-italia.com, che non ha alcuna correlazione con Amazon, al quale si sono rivolti molti utenti italiani per ordinare il noto ebook reader made in USA. Ma i Kindle ordinati e pagati non sono mai stati consegnati in Italia. Un altro sito Internet, www.nookitalia.com, dove ordinare e acquistare il Nook di Barnes & Noble. Anche in questo caso, nessuna consegna. Una vicenda emersa in seguito a una segnalazione di un lettore del Corriere della Sera. Il quotidiano di Via Solferino si è occupato del caso. Dietro i due siti Internet c’è la società e-Buy4you Europe Ltd, che ha risposto alle denunce per bocca dell’avvocato Giovanni Ambarselli: la società, con i suoi portali di personal shopping, gestisce un parco di circa 940 clienti, le lamentele raggiungono una percentuale del 16%. E i ritardi nella consegna dei Kindle e dei Nook sono imputabili, ha aggiunto l’avvocato, a una questione di disservizi logistici.
Al momento, i due siti incriminati sono in manutenzione e risultano, pertanto, irraggiungibili. Tra l’altro, alcuni lettori del Corsera si sono trasformati in segugi e hanno ipotizzato, in seguito ad alcune ricerche e confronti, che ci si trova di fronte a una vera e propria truffa.
In attesa di conoscere gli sviluppi della vicenda, arrivano da Adiconsum i consigli su come fare a recuperare i soldi e a sbloccare la situazione. Il primo consiglio, dice Paolo Landi, segretario dell’associazione dei consumatori, è di segnalare la situazione al Nucleo Speciale Frodi Telematiche. In secondo luogo, per cercare di ottenere il rimborso, è meglio optare per una causa collettiva, già prevista dal codice di procedura civile, e lasciare da parte la class action all’italiana, troppo complicata da utilizzare, sottolinea Landi.