Pagine

Visualizzazioni totali

venerdì 18 dicembre 2009

Minori: indagine pediatri, adolescenti stregati da facebook e blog



Toglietemi tutto, ma non il mio pc. E soprattutto il collegamento al web. Gli adolescenti italiani sono sempre piu' cybernauti: il 97% ha un computer in casa, il 51% naviga online tutti i giorni - il record spetta alle ragazze - e il 16,7% lo fa per piu' di tre ore al giorno. Insomma, esplode l'uso del web tra i teenager italiani, e diventa un'abitudine prevalentemente femminile. Il social network Facebook si consacra come fenomeno dell'anno, con i giovanissimi in cerca di 'amici' anche sconosciuti, "purche' siano fighi". Questa la fotografia che emerge dall'indagine su 'Abitudini e stili di vita degli adolescenti' 2009, che la Societa' italiana di pediatria realizza ogni anno dal 1997. L'indagine sara' presentata domani a Pisa, al convegno 'La societa' degli adolescenti', nella Sala Auditorium del Centro polifunzionale Maccarrone. Si tratta di un lavoro svolto annualmente su un campione nazionale di 1.300 studenti delle scuole medie inferiori tra gli 12 e i 14 anni. Ebbene, l'utilizzo tra gli adolescenti del pc, e in particolare di Internet, e' cresciuto dal 2000 a oggi in modo costante. Nove anni fa solo il 37% aveva in casa un personal computer, contro il 97% di oggi (il 16% ne ha addirittura piu' di due). Chat e messenger sono usati da oltre il 75% degli adolescenti e l'80% ha dimestichezza con YouTube (il 22% ha gia' inviato un suo filmato). Il 41%, poi, ha un suo blog, nel quale inserisce prevalentemente foto e musica. Le femmine, molto piu' dei maschi, pubblicano anche riflessioni sulla famiglia, le amicizie, l'amore, facendone una sorta di 'diario online'. Gli sconosciuti interlocutori sono naturalmente nella grandissima maggioranza dei casi altri adolescenti, rassicura Gian Paolo Salvioli, direttore del Dipartimento di Scienze ginecologiche, ostetriche e pediatriche dell'Universita' di Bologna e presidente del convegno, "ma abituarsi ad abbassare le difese e' certamente un rischio grosso che si corre".