Pagine

Visualizzazioni totali

lunedì 9 novembre 2009

Dvd Copiati illegali e pirata: i cani saranno in grado di scoprirli annusandoli


Tutti quanti siamo a conoscenza del fatto che i cani vengono utilizzati dalle forze di polizia per scoprire tracce di sostanze illegali, nascoste alla vista. Non tutti sanno invece, che sempre i cani vengono utilizzati anche per fiutare CD e DVD contraffatti! Cani che non sono stati addestrati per fiutare e scoprire droga o esplosivo, ma policarbonato, e sostanze plastiche di cui sono composti i dischi. Tutti i dischi, non solo quelli falsi. Questo almeno è quello che sostengono gli addestratori.
Al momento gli animali sono usati in Portogallo, Malesia, Messico e Stati Uniti, e si stanno già diffondendo per il mondo; hanno imparato a "girare per mercati e vie sospette e a scovare pile di materiale contraffatto". Anche se, come al solito, non sarà certo il cane a stabilire quali vie sono sospette e quali no, all'interno di una città. I primi labrador a imparare questo nuovo "mestiere", il fiutare CD e DVD, non sono stati addestrati da qualche corpo di polizia. In questo le polizie c'entrano ben poco. L'idea, infatti, è venuta a Dan Glickman, presidente dell’Associazione dell’Industria cinematografica statunitense (MPAA). Erano due cani abbandonati in un canile del nord Irlanda e avevano due anni di età.
Dunque, un'iniziativa privata da parte di un'associazione confederale di industriali. Con una forte contraddizione che emerge facilmente. Il loro addestratore, Michael Buchan, vicedirettore dell’intelligence della Mpaa - già, perché l'associazione confederale degli industriali della musica ha un proprio servizio d’intelligence - inizialmente non era molto convinto dell'affidabilità del metodo, poi successivamente si è dichiarato sorpreso dal risultato: "Ovviamente", viene riportato sulle pagine del Corriere, "gli animali non riescono a distinguere dischi originali da dischi falsi, ma laddove c’é il sospetto di contraffazione danno una grossa mano per scovare enormi quantità di materiale nascosto".
Per diffondere questa metodologia, la MPAA ha patrocinato una tournée dei due cani in Usa e in Europa per "sensibilizzare il mondo al problema della contraffazione di opere intellettuali". Questa "sensibilizzazione" si basa, secondo le dichiarazioni della MPAA, sul fatto che la contraffazione di CD e DVD ha messo in ginocchio l’industria mondiale discografica e cinematografica, solo in Italia si calcola un giro d’affari di 2 miliardi e mezzo di euro.
Ma le contraddizioni emergono lo stesso. Ci si chiede ad esempio come mai a costruire le attrezzature per la riproduzione di quelle "opere intellettuali", come masterizzatori e batterie di masterizzatori, CD e DVD scrivibili, siano le stesse industrie aderenti alla MPAA, le stesse che poi vogliono combattere la copiatura massiccia, permessa dalle loro stesse apparecchiature.
C'è poi un'altra contraddizione, ed è quella che riguarda i soldi. Molte volte è stato chiesto alle industrie discografiche come mai sia sorta un’industria parallela della contraffazione. Le risposte sono sempre state vaghe, e mai riassunte nell'unica frase sensata che si potesse dire: i CD costano troppo.
Certo, in alcuni casi è stato fatto notare alle case discografiche questo costo oggettivamente elevato dei CD, e la risposta dei discografici è sempre stata la stessa: "Il costo è elevato perché comprende non solo la registrazione e la produzione, ma anche le campagne pubblicitarie che sono oggettivamente costose, poiché realizzare un videoclip musicale ha dei costi elevati, e tutto il battage pubblicitario costa moltissimo".
Ci troviamo quindi davanti ad una strategia di marketing palesemente sbagliata! Una strategia di marketing, quella basata sui videoclip e tutto il resto, che costa più del prodotto stesso e che fa lievitare i costi dei CD così tanto da riuscire a far addirittura diminuire le vendite ed orientare una parte consistente di potenziali clienti verso il mercato della contraffazione. Il compito di ogni strategia di marketing dovrebbe semmai essere quello di far aumentare le vendite, ma l'industria discografica insiste su questa via, preferendo poi combattere la contraffazione sul piano della repressione.
In realtà, la contraffazione di massa, come tutte le attività criminali organizzate, possono essere combattute solo con la convenienza: quando i CD e i DVD avranno costi non triplicati rispetto al loro reale valore, e soprattutto costi concorrenziali a quelli del mercato della contraffazione; acquistare un CD non originale non sarà più conveniente, più semplice e lineare di così...