Pagine

Visualizzazioni totali

mercoledì 1 luglio 2009

PAYPAL: diminuite le frodi nelle transazioni

Le frodi registrate nei pagamenti tramite PayPal sono diminuite pesantemente tra il 2007 ed il 2008 passando dallo 0.3% del totale allo 0.28%. Sono questi i risultati dell'impegno continuo per garantire agli utenti uno strumento sicuro ed affidabile
La sicurezza dei pagamenti online è un elemento fondamentale per il successo dei servizi che intendono veicolare moneta tramite il Web. PayPal, leader riconosciuto del settore, sta scommettendo molto proprio sulla sicurezza ed i primi risultati sembrano premiare l'operato del gruppo: tra il 2007 ed il 2008, infatti, le transazioni fraudolente registrate sarebbero state in declino. In attesa dei risultati del 2009, però, PayPal continua ad operare al fine di garantire l'utenza con nuovi strumenti e nuove tecnologie di controllo. I dati parlano di un ribasso importante delle truffe registrate tramite PayPal. Nel 2007, infatti, lo 0.3% dei pagamenti aveva riscontrato un qualche problema legato a fenomeni truffaldini: la percentuale è scesa allo 0.28% nel 2008. Trattasi di numeri ufficiali, scaturiti da una analisi del gruppo Fraud Sciences, gruppo che PayPal ha recentemente inglobato per le proprie analisi di rischio interne. Le cifre sono state confidate a Silicon.com da Garreth Griffith, a capo della gestione del rischio in PayPal UK. «Operiamo controlli ogni volta che un utente compie il proprio login su PayPal e una transazione avviene, e succede 1400 volte al secondo in tutto il mondo. Applichiamo continuamente modelli di controllo [...] per assicurarci che le transazioni non sembrino sospette». Secondo Griffith la catena che lega il business agli utenti è tanto forte quanto lo è l'anello più debole. E l'anello più debole è, giocoforza, quello della sicurezza. Maggiore è l'affidabilità dello strumento, quindi, maggiore è la possibilità che l'incontro di scambio avvenga e l'operazione possa quindi andare a termine con la vendita e lo scambio della somma pattuita. Il gruppo eBay, controllante PayPal, sta facendo molto in tema di sicurezza. Il gruppo, infatti, esce da un momento di relativa difficoltà e sta cercando di focalizzare nuovamente i propri investimenti su aspetti specifici del marketplace. Per questo motivo tutti i pagamenti effettuati su eBay con PayPal vengono ora garantiti completamente e, allo stesso tempo, PayPal diventa lo strumento predefinito per coinvolgere l'utenza nelle operazione d'acquisto online.
Nell'intervista, PayPal ha ricordato le collaborazioni avviate con VeriSign, con la Serious Organised Crime Agency (SOCA) e con l'FBI: solo la cooperazione tra più entità permette una vera repressione delle frodi online e gli interessi degli organismi di controllo collimano con quelli di PayPal: l'utente va garantito poiché solo mettendogli in mano uno strumento affidabile lo si potrà portare verso l'acquisto. La situazione, però, non è così limpida ovunque. Secondo Griffith in alcuni stati ci si sta muovendo bene così come in altri si incontrano ancora serie difficoltà: «È una guerra e bisogna combatterla costantemente. Il fatto che le frodi siano in calo non significa che abbiamo vinto, ma dobbiamo evolvere costantemente la nostra sicurezza per essere sempre un passo avanti.