Pagine

Visualizzazioni totali

domenica 3 maggio 2009

L'educazione ai Media

Il peso e l'influenza dei mass media sulla società costituiscono un problema che mobilita l'opinione pubblica mondiale. Il connubio comunicazioni-tecnologia, alimenta ed influenza la vita mentale, affetiva e sociale di tutti ed in particolare quella dei soggetti in età evolutiva, che proprio dai mezzi di comunicazione di massa traggono elementi rileventi per costruire la propria identità. Il ruolo dei media quali agenzie di socializzazione, con funzioni pertanto educative, è ormai riconosciuto all'unisono dalla comunità scientifica ed è per tale fondata ragione che, a livello internazionale, imperversa un acceso dibattito sulla qualità dei contenuti mediatici, messa in stato d'accusa per i modelli inopportuni che propone e che finiscono per inficiare il ruolo formativo e l'autorevolezza della famiglia e della scuola. Studi e ricerche dimostrano come i media determinoi perfino ricadute patologiche (pubertà precoce, disturbi della sfera alimentare e sessuale, teleabuso, teledipendenza, cyberdipendenza, etcc.) oltre che psicosociali (fenomeni di emulazione ecc.). Una fenomologia, dunque, quella del rapporto mass media-minori primeggiante nell'ambito della tutela dei diritti fondamentali dei bambini e degli adolescenti per il peso che essa esercita sulle fasi del processo di sviluppo cognitivo e che ha indotto - già dagli anni '70 - l'Unesco (Organizzazione Culturale Scientifica Educativa della Nazioni Unite) a patrocinare un'attività definita educazione ai media o media education. Il termine MEDIA EDUCATION indica sia l'educazione con i media (considerati come strumenti da utilizzare nei processi didattici e momento significativo dell'esperienza dei soggetti in età evolutiva) sia l'Educazione ai media (che si riferisce piuttosto alla comprensione critica dei testi e del sistema delle comunicazioni di massa, intesi non soltanto come mezzi ma come linguaggio e cultura).
La media education rappresenta un'attività formativa e didattica finalizzata a sviluppare nei minori un'informazione di base ed una comprensione critica circa la natura, il linguaggio, le categorie e i generi dei media, le tecniche da loro impiegate per costruire messaggi e produrre senso. Speriamo che la scuola italiana non perda altro tempo e, sin dai primi anni delle elementari, adotti organicamente l'Educazione ai Media come materia fondamentale d'insegnamento volta a rendere i soggetti in età evolutiva più consapevoli dei vari meccanismi che sottendono il mondo delle comunicazioni di massa, pertanto "cittadini" e non più "sudditi" dei media.